Tirreno-Adriatico 2013

Volendo finalmente concretizzare l’idea di un amico, che da anni voleva attraversare l’Italia in bicicletta, ci siamo organizzati per partire durante le vacanze di Pasqua.

Abbiamo deciso che Follonica poteva essere un buon punto di partenza, per arrivare a Rimini passando dalle regioni Toscana, Umbria, Marche ed Emilia Romagna.

Abbiamo potuto visitare diverse famose località come Montalcino, Pienza e Urbino.

Purtroppo il tempo non ci è stato molto favorevole ma, considerando anche la stagione (fine marzo-inizio aprile) siamo ancora stati fortunati.

Idealmente sarebbe meglio partire un mese più tardi, quando anche la natura offrirebbe panorami più verdeggianti.

In totale sono circa 350 km per 5200 m di dislivello.

Abbiamo scelto un percorso che si svolge su strade asfaltate e sterrate percorribili con un buon rampichino, pernottando in agriturismi e modesti alberghi.

1a tappa

Follonica–Pian dei Bighi

Distanza

Dislivello

Quota min.

Quota max.

Percorso

 

Track

35 km

210 m

0 m

120 m

80% asfalto, 20% sterrato

 

GPX - KML

Siamo partiti in treno da Milano e dopo un viaggio di più di cinque ore ed essere arrivati a Follonica nel primo pomeriggio, abbiamo montato le bici e i rimorchi e siamo partiti per Bagno di Gavorrano e l’agriturismo di Pian dei Bighi.

Il percorso si svolge su strade asfaltate poco battute e su facili sterrati con lievi pendenze.

2a tappa

Pian dei Bighi–S. Quirico d’Orcia

Distanza

Dislivello

Quota min.

Quota max.

Percorso

 

Track

70 km

1250 m

45 m

620 m

80% asfalto, 20% sterrato

 

GPX - KML

Dallo splendido Agriturismo di Pian dei Bichi (o Bighi...), dove eravamo gli unici clienti e abbiamo cenato benissimo, siamo partiti per Paganico, Montalcino per giungere a San Quirico d’Orcia.

Il tratto meno interessante di tutta la traversata
è stato quello tra Paganico e Sant’Angelo Cinigiano, dove si deve percorrere la strada provinciale.

Contrariamente alla prima tappa, in alcuni tratti prima di arrivare a Montalcino le pendenze sono veramente proibitive (15-20%).

3a tappa

S. Quirico d’Orcia–Passignano

Distanza

Dislivello

Quota min.

Quota max.

Percorso

 

Track

70 km

1075 m

250 m

615 m

80% asfalto, 20% sterrato

 

GPX - KML

Partenza da San Quirico d’Orcia per arrivare a Pienza, Montepulciano e raggiungere Passignano sul lago Trasimeno.

Bellissima tappa in piena campagna tra sterrato e asfalto. Abbiamo trovato pendenze da paura in salita, ma la peggiore è stata una discesa all’uscita
di Pienza che abbiamo stimato superasse il 30%.

4a tappa

Passignano–Cagli

Distanza

Dislivello

Quota min.

Quota max.

Percorso

 

Track

85 km

1950 m

240 m

780 m

70% asfalto, 30% sterrato

 

GPX - KML

Partendo da Passignano, paesino che ricorda vagamente le località marittime, siamo passati per Umbertide e Pietralunga per arrivare a Cagli.

La tappa più impegnativa della nostra traversata: 85 km per 1700 m di dislivello. Ma anche la più gratificante visto che tra Umbertide e Pietralunga si percorre una dorsale che offre una vista a 360 gradi sulla campagna circostante.

Un misto di sterrato e stradine asfaltate con delle pendenze che, seppur per brevi tratti, oltrepassano il 20%.

5a tappa

Cagli–Rimini

Distanza

Dislivello

Quota min.

Quota max.

Percorso

 

Track

82 km

1360 m

0 m

470 m

100% asfalto, 0% sterrato

 

GPX - KML

Ultima tappa: partenza da Cagli passando per la bellissima cittadina di Urbino, Tavoleto, Montefiore Conca per arrivare a Rimini.

Se nelle altre tappe siamo stati abbastanza fortunati da non inzupparci eccessivamente, in questa tappa non abbiamo avuto un minuto di tregua... in special modo da Urbino a Rimini. Comunque, visto che arrivavamo a destinazione, non ci ha pesato più di tanto.

  CERCA NEL SITO