Distanza

Dislivello

Quota min.

Quota max.

Percorso

 

Track

69 km

1950 m

290 m

1950 m

70% asfalto-30% sterrato

 

GPX - KML

Per affrontare la traversata dell’Alpe del Gualdo vi sono diverse possibilità. Quella descritta passa da Largario e Piandioss per poi portarsi in zona Nara. Da qui si scende sulla strada sterrata e  giunti al primo tornate si imbocca il sentiero che conduce, con alcuni tratti a spinta, all’Alpe del Gualdo. Qui si incontra la strada proveniente da Cancorì. Si prosegue attraversando alcuni nuclei fino a raggiungere Pusced dove si scende su un sentiero non completamente ciclabile, fino a raggiungere il piazzale sopra l’Alpe di Gardosa. Anche per la discesa ci sono diverse possibilità.

Il tracciato documentato scende dalla strada fino a Semione.

Distanza

Dislivello

Quota min.

Quota max.

Percorso

 

Track

80 km

1800 m

280 m

1950 m

70% asfalto-30% sterrato

 

GPX - KML

Raggiunto Campo Blenio si imbocca la val di Campo sulla strada dapprima asfaltata e poi per un tratto sterrata fino a raggiungere l‘alpe di Pradasca. Giunti al tornante successivo si imbocca il sentiero, quasi tutto pedalabile, che porta al Cantonill. Anche per raggiungere Anveuda si è costretti a scendere a tratti dalla bici. Si prosegue sulla strada per scendere fino a Piera dove si incontra la strada del passo del Lucomagno. Il percorso documentato percorre la strada asafaltata fino all’arrivo, anche se ci sono molte alternative più interessanti per il rientro.

Distanza

Dislivello

Quota min.

Quota max.

Percorso

 

Track

63 km

1450 m

290 m

1520 m

70% asfalto-30% sterrato

 

GPX - KML

Da Ponto Valentino si sale per una delle tante strade che portano in zona Nara. Passando poco sotto Marolta si continua fino ad oltrepassare il terzo tornante e circa 300 metri dopo si svolta a sinistra in località Gordasco. Si passa per Bièd, Frassineto e Ardet dove la strada diventa sterrata e piuttosto ripida. Si continua fino a raggiungere Piede del Sasso, dove si incrocia di nuovo la strada asfaltata. Fatti pochi metri su asfalto si prende la sterrata che scende a sinistra verso Cancorì che si raggiunge in un attimo.

Pochi metri dopo il secondo tornante scendendo da Cancorì, si imbocca il bellissimo sentiero che, passando da Chiesa, Crènn, Melanico porta a Leontica. Si prosegue poi fino a Comprovasco su sentiero intercalato da brevi tratti di asfalto. Rientro sulla strada asfaltata.

Distanza

Dislivello

Quota min.

Quota max.

Percorso

 

Track

78 km

1900 m

290 m

2030 m

60% asfalto-40% sterrato

 

GPX - KML

La parte più interessante del percorso inizia a Olivone, dove si imbocca la strada sterrata che da Crott, porta all’uscita nord della galleria della Töira. In pochi minuti si raggiunge poi Campo Blenio e Ghirone dove inizia la salita alla diga del Luzzone. Oltrepassata la diga in galleria una ripida salita porta alla seconda galleria che si deve oltrepassare per giungere all’inizio della Val Carassina. Una strada sterrata dapprima dolce e alla fine piuttosto impegnativa porta, attraverso diversi alpeggi, nei pressi della Capanna Adula CAS dove ci si può ristorare. Qui si può godere di una bella vista sull’impegnativa discesa che ci aspetta. Per i primi venti minuti si è costretti a spingere la bici a causa del sentiero impervio e stretto. Poi si raggiunge Soi in sella su un divertente sentiero. La strada per raggiungere Dangio è per la prima parte sterrata e poi asfaltata. Rientro per la strada principale.

  CERCA NEL SITO